Perchè DS9 e VOY non sono ancora usciti in HD su Blu-Ray (e forse mai usciranno)

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5815
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Perchè DS9 e VOY non sono ancora usciti in HD su Blu-Ray (e forse mai usciranno)

Messaggioda Miles » 5 feb 2017, 0:07

Interessante (ma scoraggiante) articolo apparso su TrekNews che spiega come mai la CBS non abbia rimasterizzato in HD le serie Deep Space Nine e Voyager come ha già fatto per la Serie Classica, la Serie Animata, The Next Generation ed Enterprise. Risponde alla domanda Robert Meyer Burnett, già autore, regista, produttore e montatore dei contenuti speciali allegati alle edizioni Blu-ray di The Next Generation ed Enterprise e coinvolto attivamente nel progetto di rimasterizzazione delle suddette serie.

L'articolo è molto lungo e tecnicamente dettagliato; mi limito a riportarne alcuni passaggi.

Come premessa, va detto che fino a tempi relativamente recenti, lo standard per le riprese di film e show televisivi è stato il 35 mm che è un formato dalla risoluzione di 20 megapixel e più. Lo standard per le trasmissioni televisive (in Nord America e in Asia) è l'NTSC che in confronto ha una risoluzione di appena 640x480 pixel.

Generalmente, anche gli elementi di post-produzione (come titolatura, effetti speciali etc.) venivano impressi sulla pellicola a 35mm e i negativi venivano conservati e tirati fuori al bisogno, per riversarli su nastro (VHS) o per essere editati in formato televisivo.

Quello che è successo nell'"epoca oscura" precedente all'avvento dell'alta definizione è che questi negativi venivano ridotti dai loro 20 megapixel originali al formato NTSC di 640x480, perdendone in definizione e in genuinità cromatica. Solo che, fino a relativamente poco tempo fa, lo spettatore non notava molto questa differenza, sia perché gli apparecchi televisivi non potevano restituire immagini in alta definizione, sia perché si dava per assodato il fatto che al cinema i film si vedessero meglio che in TV e amen.

Il problema più grave (col senno di poi) si è avuto a metà degli anni '80 con lo sviluppo della tecnologia informatica, che ha reso più veloce ed economico editare i programmi. Così, si decise di fare anche sui prodotti filmati a 35mm quello che già si faceva sui programmi televisivi registrati direttamente su nastro, come soap opera e talk show. Per farlo però i negativi dovevano prima essere convertiti in formato NTSC e poi editati. Ne consegue che, ad un certo punto, hanno smesso di esistere negativi a 35mm già editati con gli effetti speciali (come accadeva in passato) e il prodotto completo ha cominciato ad esistere solo in formato NTSC, quindi a bassissima definizione per gli standard moderni.

All'epoca questa soluzione era sembrata la migliore, specialmente per la fantascienza, perché gli effetti speciali così prodotti con tecnologia a basso costo permettevano al regista di avere - per esempio - più raggi phaser sullo schermo laddove, lavorando sulla pellicola 35mm, si dovevano animare a mano e poi imprimerli sul film, con conseguenti costi e tempi aggiuntivi che obbligavano a mostrare meno "fuochi d'artificio" sullo schermo (e in effetti la TOS, che è stata girata in 35mm anche come effetti speciali, ne era carente anche per questo motivo).

Così, a differenza della TOS e della Serie Animata, di The Next Generation non esistono negativi 35mm con effetti speciali già editati. E lo stesso discorso vale per DS9 e VOY. Enterprise, invece, è stata girata già con in mente l'alta definizione.

Rimasterizzare la TOS e la TAS in HD non è stato perciò un problema, dato che esistono i negativi 35mm e il motivo per cui si è reso necessario ricreare gli effetti speciali in CGI è dovuto al fatto che, all'epoca, gli effetti visivi venivano realizzati sovrapponendo vari strati di pellicola uno sull'altro per poi animarli. Questa sovrapposizione rende l'immagine in qualche modo più sporca rispetto al singolo strato. Non era niente che si potesse percepire così distintamente negli anni '60 ma oggi, lo stacco tra il singolo strato di pellicola restaurato e gli strati di film con gli effetti speciali è evidente, specialmente in HD. Quindi è stato deciso di ricreare gli effetti speciali ex novo.

Purtroppo, dato che le versioni compiute di TNG, DS9 e VOY esistono solo in bassa definizione NTSC, non si può semplicemente prendere la pellicola e trasformarla in Full HD. Ma poiché TNG è il fiore all'occhiello del franchise, la CBS ha deciso che non poteva non essere editata in HD (rischiando di finire nel dimenticatoio) e ha commissionato nondimeno il lavoro.

Quello che è stato fatto per TNG è un'opera titanica di RICOSTRUZIONE dell'intero show. Qualcosa che non era mai stato fatto prima d'ora: in sostanza si sono presi i negativi originali e si è affrontata per la seconda volta la post-produzione (compresa la ricomposizione degli effetti speciali, con l'aggiunta della CGI in alcuni casi - come il fuoco dei phaser o campi d'energia) sforzandosi di ricreare al millesimo di secondo il timing originale. Senza contare la rimasterizzazione dell'audio, da stereo a Surround 7.1.

E questo è stato fatto singolarmente per 178 episodi e ha richiesto manodopera, tempo e denaro: circa 12 milioni di dollari.
Va considerato, inoltre, tutto il lavoro preliminare di recupero del girato originale, della scansione dei negativi e gli inevitabili danni del tempo che hanno costretto gli addetti ai lavori a restaurare con certosina dovizia le parti danneggiate.

Ironia della sorte, tutto questo enorme lavoro è stato in qualche modo depotenziato dall'avvento dei servizi in streaming, come Netflix: le nuove generazioni credono che inserire un disco nel lettore sia troppo "anni '90" e magari c'è molta gente che TNG ce l'ha già in VHS o in DVD e pensa: "Perché dovrei ricomprarla in Blu-ray se già ce l'ho e tanto è su Netflix?"

Inoltre - sempre per una sorte beffarda - oggi tutti si aspettano che l'HD appaia bellissimo sui nostri schermi e poiché la versione di TNG che viene trasmessa oggigiorno è quella rimasterizzata, nessuno fa veramente caso al fatto che si veda benissimo!

Quindi, nonostante lo sforzo erculeo, la CBS non è stata premiata dalle vendite dei Blu-Ray di TNG, e parliamo della serie di punta dello Star Trek "moderno". DS9 e VOY non hanno mai raggiunto la stessa popolarità di TNG e per entrambe le serie, se le si volesse in HD, si dovrebbe fare quello che è stato fatto per TNG, ovvero rieditare ogni singolo episodio. Ma c'è di più: a complicare le cose c'è il fatto che a differenza di TNG, dove gli effetti speciali - benché montati direttamente in NTSC - furono comunque girati in 35mm, lo stesso non fu per DS9 e VOY dove invece fu fatto un largo uso di effetti in computer grafica realizzati direttamente (ed esclusivamente, purtroppo) in formato NTSC. Se anche esistessero ancora da qualche parte i modelli tridimensionali originali usati per realizzare quegli effetti (ed è un grosso se), comunque li si dovrebbe aggiornare agli standard di dettaglo attuali e ciò comporterebbe ancora più manodopera specializzata, tempo e denaro. Quindi, rimasterizzare DS9 e VOY vorrebbe dire rifare tutti gli effetti speciali da capo in CGI, come è stato per l'edizione HD della TOS, con la differenza che in TOS gli effetti speciali erano pochi; in DS9 e VOY il lavoro da fare sarebbe moltissimo (pensate solo alla Guerra del Dominio...).

Capite che è una spesa enorme per la CBS e probabilmente non verrebbe ripagata dalle vendite, se non in un periodo di tempo troppo lungo per essere accettabile dai vertici. :stanco:


Fonte: http://www.treknews.net/2017/02/02/why- ... lu-ray-hd/
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5815
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Perchè DS9 e VOY non sono ancora usciti in HD su Blu-Ray (e forse mai usciranno)

Messaggioda Miles » 2 mar 2017, 10:20

Forse, grazie al documentario su Deep Space Nine in realizzazione, vedremo un po' di DS9 in HD, dopotutto:

viewtopic.php?f=4&t=19154&p=466878#p466878
Immagine


Torna a “Vhs, CD & DVD”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite