Star Trek Ongoing (Nuova serie a fumetti)!

Kirk, Spock, Mcoy..etc ritornano in azione, in una nuova realtà dove ancora i loro destini sono da scrivere...
Rispondi
Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 20 nov 2011, 12:17

Ero stato tratto in inganno dal logo "Paramount Comics" sotto quello della Marvel.
Pensavo infatti fosse stata la Paramount a non voler rinnovare i diritti alla Marvel a favore di un'altra casa editrice.
Certo è che la cancellazione fu improvvisa, almeno per gli autori, tanto che Early Voyages si concluse di fatto con un cliffhanger nell'ultimo numero che, neanche a farlo apposta, era intitolato "Nemesis"... :mrgreen:

Sulla questione della S.S. Valiant cmq vorrei aggiungere che in definitiva, visto che afferma di essere un Trekker oltre ad essere uno scrittore, Orci in realtà sa benissimo cos'era la UESPA e probabilmente sa che gli autori di TNG, VOY ed ENT spesso ne hanno riutilizzato il logo e l'hanno citata più volte come omaggio alla serie classica e ai suoi fan, che l'avrebbero riconosciuta come "vecchia flotta stellare". Evidentemente, con mio disappunto, ritengono che il nuovo pubblico del ciclo di Abrams non sia altrettanto informato e che un'eventuale distinzione tra UESPA, "United Earth Starfleet" e "Federation Starfleet" avrebbe generato confusione. Quindi in sostanza chiamano tutto Starfleet e buonanotte. Allo stesso modo "semplificano" il concetto di Federazione presentandola come una "organizzazione umanitaria che mantiene la pace"... perchè? perchè è più facile, lo capiscono tutti, anche se non hanno mai sentito parlare di Star Trek. :wink:

Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

tetsuya
Capitano
Capitano
Messaggi: 5404
Iscritto il: 14 ott 2002, 14:17
Località: Bologna
Contatta:

Messaggio da tetsuya » 20 nov 2011, 12:40

Si', lo ricordo, compravo gli albi originali all'epoca. Purtroppo comprai anche il crossover "telepathy war", che orrore.

Michele Amadesi, illustrazioni e disegni
e-mail: info@sektoralpha.it
Portfolio on line e sito web personale --> Sektor Alpha Immagine

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 20 nov 2011, 12:51

Di Unlimited veramente il #6 non ce l'ho proprio... così come non ho ancora letto la serie Marvel di DS9 e di Voyager. Il crossover è spalmato tra le diverse serie, giusto? O c'è un albo che le raccoglie? :smile:

Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

tetsuya
Capitano
Capitano
Messaggi: 5404
Iscritto il: 14 ott 2002, 14:17
Località: Bologna
Contatta:

Messaggio da tetsuya » 20 nov 2011, 13:33

non credo abbiano mai raccolto in volume le storie, avendo perso la licenza. Non ti perdi davvero nulla, credimi.

Michele Amadesi, illustrazioni e disegni
e-mail: info@sektoralpha.it
Portfolio on line e sito web personale --> Sektor Alpha Immagine

MiaPiccolina
Guardiamarina
Guardiamarina
Messaggi: 525
Iscritto il: 21 dic 2009, 11:51
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da MiaPiccolina » 20 nov 2011, 13:58

Originally posted by IlSisko
Orci, Kurtzman e Johnson non hanno la minima idea di cosa sia la Flotta Stellare prima e dopo Nero, nè si sono preoccupati di capire cosa rappresentasse prima e dopo Archer, Nero o Kirk. :mrgreen:
Personalmente io ho sempre attribuito una sola definizione per il termine “Starfleet”.
Se all'inizio della storia della saga si sono cercate delle sigle tipo NASA ed affini questo è indubbio. Ma sono sigle che poi, come dice la stessa pagina di memory alpha, sono confluite nel nome di “starfleet” e quindi hanno perso di importanza. Francamente la vedo una forzatura il fatto di mettere in mezzo un dettaglio come la sigla UESPA per voler al solito dimostrare una presunta incompetenza degli autori. Quando poi anche la precedente gestione non mi sembra che ha mostrato per questa sigla maggiore attenzione, a parte citarla un paio di volte.
Perché in ENT non appare in modo esplicito questa idea della doppia flotta?
Non è un dettaglio da poco mostrare che all'epoca di Archer esistevano ben due flotte stellari. Una operante dall'inizio dell'era dei viaggi a curvatura e l'altra fondata da poco. Non appare questa idea perché non ha nessun fondamento nell'universo di Star Trek! Starfleet è una sola, ed è quella che abbiamo imparato a conoscere da sempre.
Che poi prima di Starfleet sia esistita una flotta di navi terrestri mandate nello spazio per diversi scopi, dall'esplorazione al commercio, questo è stato fatto vedere più volte. Ma non si è mai parlato di una organizzazione militare con una sua propria gerarchia interna. Anzi i primi coloni ed i primi commercianti del cosmo erano mandati allo sbaraglio senza nessuna protezione.

Ora, nel fumetto si dice esplicitamente che la Valian appartiene a “starfleet” e non posso interpretare questo termine diversamente. Per logica conseguenza nel nuovo universo la flotta stellare esiste dal ventunesimo secolo, fermo restando che poi qualche futuro film o qualche futura serie TV potrebbe benissimo smentire questo dato. Non ci sarebbe nessuna meraviglia se accedesse, visto che non è la prima volta che succede.

Sul discorso poi della data del primo volo a curvatura, anche qua vale la medesima spiegazione. Se ci troviamo in un differente universo, a questo punto i vecchi calendari non hanno nessun valore. Per questo ti dicevo che forse nemmeno ENT rientra nell'universo del reboot.

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 20 nov 2011, 14:44

MiaPic :smile: , ma ti pare che anch'io non voglia "sognare" che nelle intenzioni degli autori ci fosse la volontà di spostarsi in un universo completamente nuovo, in cui passato e futuro siano tutti da riscrivere?
Il perchè vorrei una cosa del genere è semplice: alcuni eventi dell'universo canonico, datati anni 90 per esempio, come le guerre eugenetiche, Khan e la III guerra mondiale, per fortuna, non sono avvenute nel nostro universo.
Questo pone l'universo della TOS di Gene in un altra realtà... meno "credibile" come nostro "possibile" futuro, soprattutto agli occhi delle nuove generazioni, non so se mi spiego.
Riscrivere la TOS in un nuovo universo, rispettandone l'ispirazione, potrebbe "aggiustare" alcuni dettagli per rilanciare "quella stessa visione", partendo dai problemi che il mondo ha "oggi", per esempio.

Al momento credo che il mio sia solo un sogno, purtroppo...
Perché in ENT non appare in modo esplicito questa idea della doppia flotta?
Quanto alla UESPA ed Enterprise... ma allora non hai letto la pagina di Memory Alpha! Vediamo se con un'immagine (tratta dall'episodio di ENT: "Demons") va meglio... :mrgreen:

Immagine

Da una parte c'è scritto "Starfleet Command"... dall'altra "United Earth Space Probe Agency"... più chiaro di così!

p.s: nel fumetto si dice "old starfleet vessel"... quell'"old" potrebbe voler dire "vecchio vascello della flotta", ma anche "vascello della vecchia flotta"... :wink:

EDIT:
Ripeto, secondo me inglobare tutto col termine "Starfleet" è solo una semplificazione. Un po' come quello che succede a me quando traduco gli episodi di Phase II. Nei doppiaggi italiani traducevano Starfleet con "Flotta Astrale" e da TNG diventò "Flotta Stellare". Io ho scelto di usare sempre "Flotta Stellare", mantenendo invece "Data Astrale", come omaggio (e segno di rispetto) ai doppiatori grazie ai quali ho scoperto Star Trek, nonostante i vari e/o-rrori commessi talvolta in fase di traduzione. :wink:

Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

tetsuya
Capitano
Capitano
Messaggi: 5404
Iscritto il: 14 ott 2002, 14:17
Località: Bologna
Contatta:

Messaggio da tetsuya » 20 nov 2011, 15:04

No, e' "vecchio vascello della flotta stellare". Se fosse vascello della vecchia flotta stellare, avrebbero scritto "old starfleet's vessel".

Michele Amadesi, illustrazioni e disegni
e-mail: info@sektoralpha.it
Portfolio on line e sito web personale --> Sektor Alpha Immagine

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 20 nov 2011, 15:15

Hai ragione :wink: , ma tu concordi o no sul fatto che gli autori si riferissero alla pirma flotta stellare?

Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

tetsuya
Capitano
Capitano
Messaggi: 5404
Iscritto il: 14 ott 2002, 14:17
Località: Bologna
Contatta:

Messaggio da tetsuya » 20 nov 2011, 15:23

Non sto seguendo i fumetti, per cui non te lo posso dire.
Ma tenuto conto dell'approssimazione con cui stanno gestendo la timeline, una ipotesi vale l'altra.

E dire che bastava chiarire nel film che si trattava di un universo parallelo, e tutte queste discussioni cessavano di esistere.
(certo, poi veniva fuori la discussione "ma non sono i veri personaggi!!" :) )

Michele Amadesi, illustrazioni e disegni
e-mail: info@sektoralpha.it
Portfolio on line e sito web personale --> Sektor Alpha Immagine

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 20 nov 2011, 15:35

E dire che bastava chiarire nel film che si trattava di un universo parallelo, e tutte queste discussioni cessavano di esistere.
Ma e' quello che dico anch'io! Per non ammettere che volevano fare un reboot completo hanno incasinato tutto! :mrgreen:
E tra l'altro ST Online ha peggiorato le cose perchè fino a quando non è uscito quel cavolo di grafico, Orci si manteneva ancora sul vago, anche perchè suppongo che dopo il primo film non avevano ancora deciso come trattare l'argomento nel sequel.

Inoltre il successo del film tra gli stessi trekker, inaspettato per stessa ammissione di Orci, non ha giovato secondo me... anzi, li ha probabilmente obbligati a matenere "la stessa linea" anche nel prossimo film. :sad:

EDIT:

Ancora su UESPA e Starfleet

Un'altra cosetta che irei notte, causa stanchezza, mi era sfuggita su Memory Alpha:

Captain Kirk (refers to UESPA as a "combined service," but he is vague enough that it is more likely that he was actually referring to his Starfleet crew.

It is possible that starship crews of his time were a combined service of both the naval ranked Starfleet and the military ranked UESPA officers. This would explain the use of military ranks in "The Cage".

This may also explain West's rank of Colonel in Star Trek VI: The Undiscovered Country.


Cioè si afferma che dopo la formazione di "Starfleet", gli equipaggi delle navi ai tempi di Kirk potrebbero essere diventati misti, ossia composti sia da ufficaili della UESPA con gradi delle forze armate che da ufficiali della flotta con gradi della Marina.

Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

Krong
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 1446
Iscritto il: 28 dic 2007, 11:50
Località: Genova
Contatta:

Messaggio da Krong » 20 nov 2011, 16:15

beh hanno fatto un film per il pubblico non un film di star trek, sarebbe come , tra vent'anni fare un sugo barilla, che c'entra si, ma non del tutto

Belin a l'è un bel giorno pe' mui!

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 21 nov 2011, 16:54

Originally posted by MiaPiccolina
Francamente la vedo una forzatura il fatto di mettere in mezzo un dettaglio come la sigla UESPA per voler al solito dimostrare una presunta incompetenza degli autori.
Non per fare il pignolo a tutti i costi ma l'incompetenza linguistica si riferiva al fatto di chiamare Distress beacon, dispostitivo automatico situato a bordo delle astronavi, un Disaster Recorder, anche noto come log buoy o recorder-marker, che è effettivamente il registratore recuperato dall'Enterprise.

Cioè è un po' come copiare un compito in classe di un compagno di scuola e cercare di cambiare le parole a caso... :mrgreen:



Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

MiaPiccolina
Guardiamarina
Guardiamarina
Messaggi: 525
Iscritto il: 21 dic 2009, 11:51
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da MiaPiccolina » 21 nov 2011, 22:09

Originally posted by IlSisko
MiaPic, ma ti pare che anch'io non voglia "sognare" che nelle intenzioni degli autori ci fosse la volontà di spostarsi in un universo completamente nuovo, in cui passato e futuro siano tutti da riscrivere?
Non credo di affermare una mia personale opinione se dico che il film del 2009 è un riavvio della saga. Si può discordare sui modi ed i mezzi, ma questo non toglie che il film è un reboot in piena regola. E per definizione dopo un riavvio è possibile riscrivere tutto, dal passato al futuro.
Gli autori hanno voluto comunque creare un collegamento con il passato utilizzando il personaggio di Spock, ma forse sarebbe stato meglio dire “questo è un colpo di spugna” e buonanotte al secchio... Dubito però che questo modo di fare avrebbe generato meno polemiche.
Originally posted by IlSisko
ma allora non hai letto la pagina di Memory Alpha! Vediamo se con un'immagine (tratta dall'episodio di ENT: "Demons") va meglio...
Ma ti pare che non ho capito che è stata citata più volte la UESPA. Il punto è che questa cosa non è una caratteristica predominante. Non è che sei obbligato per forza ad inserirla dentro una storia per dire che ci troviamo nell'universo di Star Trek. Al contrario non penso che si possa fare Star Trek senza citare almeno una volta “Starfleet”. C'è una bella differenza mi pare.
Originally posted by IlSisko
nel fumetto si dice "old starfleet vessel"... quell'"old" potrebbe voler dire "vecchio vascello della flotta", ma anche "vascello della vecchia flotta"... :wink:
Non sono una cima in inglese e quindi non mi permetto di fare il professore, ma credo che la frase “an old strarfleet vessel” non contenga una tale ambiguità da rendere dubbiosa la traduzione. Il traduttore automatico di google la traduce così “un vascello della Flotta Stellare vecchio”. Mi sembra chiaro il concetto.

Avatar utente
IlSisko
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 2088
Iscritto il: 28 nov 2007, 2:10
Località: Italy
Contatta:

Messaggio da IlSisko » 22 nov 2011, 4:15

Originally posted by MiaPiccolina
Ma ti pare che non ho capito che è stata citata più volte la UESPA. Il punto è che questa cosa non è una caratteristica predominante. Non è che sei obbligato per forza ad inserirla dentro una storia per dire che ci troviamo nell'universo di Star Trek. Al contrario non penso che si possa fare Star Trek senza citare almeno una volta “Starfleet”. C'è una bella differenza mi pare.
E' proprio questo il punto. Non sei obbligato a farlo se racconti una storia ambientata in un'epoca in cui l'agenzia spaziale si chiama "Starfleet" da 130 anni e se non hai nessuna intenzione o necessità di raccontare al pubblico la storia dei viaggi spaziali dal primo volo a curvatura alla prima missione quinquennale! Enterprise aveva invece tra i suoi scopi proprio quello di creare una continuity plausibile che partisse da Cochrane e arrivasse alla nascita della Federazione e all'inizio delle guerre romulane. Per farlo non poteva non collegarsi a informazioni tratte dalla TOS. Ma era una serie e aveva il tempo e il modo di farlo correttamente. Johnson scrive un fumetto per i nuovi fan che la TOS ed ENT magari non le hanno mai viste, che conoscono le parole Federazione e Flotta stellare perchè le hanno sentite nel film, perciò ha usato Starfleet. Almeno, secondo me.
Potevano fare un semplice copia e incolla dallo script di "Oltre la galassia" in cui Kirk era giustamente vago sul tipo di vascello, che tra l'altro non si vede. In "Friendship 1" per esempio la sonda ritrovata ha un design che ricorda vagamente la Phoenix, proprio perchè il periodo e la tecnologia sono quelle... an "old style ship".
Sei tu che vuoi caricare di significato una parola come segno, voluto, che ci troviamo in un universo diverso da quello di Enterprise, quando l'approssimazione e la leggerezza dimostrata dagli autori nei confronti della continuity e della tecnologia in generale, fanno tranquillamente pernsare a ovvie semplificazioni per il pubblico generalista.
Non sono una cima in inglese e quindi non mi permetto di fare il professore, ma credo che la frase “an old strarfleet vessel” non contenga una tale ambiguità da rendere dubbiosa la traduzione. Il traduttore automatico di google la traduce così “un vascello della Flotta Stellare vecchio”. Mi sembra chiaro il concetto.
L'aveva precisato anche tetsuya qualche post più su, veramente. Così come più su ti ho dimostrato che anche i madrelingua a volte sembrano non capire il significato delle parole... :mrgreen:


Immagine

"For all we know, at this very moment, somewhere, far beyond
all those distant stars... Benny Russel is dreaming of us."

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6062
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Messaggio da Miles » 22 nov 2011, 9:09

Premetto che non ho letto (sigh) questi fumetti, ma penso vi stiate arenando su un'analisi un po' sterile.

E' vero che Orci e Kurtzman hanno supervisionato un po' queste storie, ed è vero che sono due tipini che la storia Trek la conoscono abbastanza bene (ricordo, ad esempio, che per disegnare le uniformi militari con tanto di cappello, si ricordarono che in una scena di "The Cage", nell'alloggio di Pike, si vede in secondo piano e sfocato proprio un berretto militare, del tipo a cui si sono rifatti. Quindi, forse non saranno molto ferrati nelle date - cosa che nessun autore Trek ha mai potuto vantare, per altro - ma ai dettagli ci stanno attenti), però non credo che stiano li a correggere riga per riga il lavoro degli autori del fumetto; probabilmente si limitano a dare qualche linea guida.

E penso che lo stesso accadrà col videogame di prossima uscita, anch'esso scritto da loro, che dovrebbe fare da ponte tra il primo e il secondo film... insomma, di questi "ponti" ce n'è abbastanza ma ricordate che sono tutti al limite della canonicità, anche di quella 'nuova'.

Sono produzioni, come fu per 'Countdown', che hanno uno spiccato valore promozionale e di marketing, per tenere vivo l'interesse nel nuovo Star Trek specialmente considerando il grande ritardo con cui uscirà il sequel rispetto alle aspettative.

A livello narrativo puro e semplice non gli darei grosso peso, se non forse solo per scoprire - per esclusione, in base a quali personaggi e situazioni si sono bruciati col fumetto o col videogioco - cosa ci aspetta ufficialmente al cinema.

ImmagineImmagineImmagine

Rispondi

Torna a “Star Trek (2009)”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite