Sentenza Spaccarotella


Dathon
Tenente Comandante
Tenente Comandante
Messaggi: 1772
Iscritto il: 22 giu 2003, 15:44
Località: Ferrara

Messaggio da Dathon » 21 lug 2009, 14:29

No, Galen, alla balistica si fa dire tutto e il contrario di tutto, ma non c'è modo che dica che un colpo sparato verso l'alto può essere deviato da una rete alta massimo massimo tre metri, a giudicare dalle immagini televisive, e posta a una distanza di almeno una decina di metri da chi spara, a quanto ho capito.

Questo ammettendo, e non concedendo, che la deviazione ci sia stata, ovviamente. Secondo il medico legale, ad esempio, le condizioni del proiettile e la ferita al collo di Sandri non lasciavano supporre un impatto precedente a quello col vetro del deflettore della macchina. Poi pure su quanto un impatto con una rete da polli possa deviare un proiettile, il dibattito è aperto.

Quanto alla storia dello sparo in alto ma non verso l'alto, non ha nessun senso. A cosa avrebbe mirato, Spaccarotella, visto che cinque diversi testimoni dicono di averlo visto mirare? Sperava di beccare un piccione e farlo schiantare sul parabrezza della macchina, per spaventare il conducente? Dai...

pdl
Guardiamarina
Guardiamarina
Messaggi: 746
Iscritto il: 6 lug 2007, 0:33
Località: Salerno

Messaggio da pdl » 21 lug 2009, 14:51

Aspettiamo la ricostruzione dei fatti presente nella sentenza... mi sa che è la cosa migliore e si taglia la testa al...
Però, io credo che abbaino dato per buono in parte la ricostruzione della difesa.
Infatti io parlavo della ricostruzione della difesa, come quella accertata dal tribunale...
Però non ne sono certo... visto che non ho seguito la vicenda in modo adeguato...)

Galen
Comandante
Comandante
Messaggi: 3921
Iscritto il: 11 ott 2002, 18:46
Località: Ferrara

Messaggio da Galen » 21 lug 2009, 16:50

Dathon, sono d'accordo con te, infatti è palese che la trovata della rete sia ridicola.
Questo ancora prima di conoscere le perizie, quella sul proiettile che dicevi, e quella sulla rete che non riporta segni.

Quello che intendo sulla balistica è che il percorso di un proiettile, entro certi limiti (limiti che spesso vengono superati in modo indecente dalle tesi avvocatesche), può essere difficilmente comprensibile, perché le dinamiche possono essere lontane dal senso comune e spesso non cui sono studi sperimentali che si adattino ai casi specifici. Perciò io credo sia possibilissimo che una pallottola possa essere deviata casualmente da superfici infime. Ma è ovvio che sono cose indimostrabili e dovrebbero essere considerate solo nei casi in cui ci sia un fondamento...
Purtroppo però questa indimostrabilità, fa si che si apra la porta a quello che dici tu... che si possa pescare nel torbido e raccontare quello che si vuole sull'argomento, come il solito calcinaccio, una piuma o quello che è, che fa succedere il fatto (cosa che viene fatta puntualmente nei casi in cui spara un poliziotto).
Certo è che sono specchietti per le allodole, cioè l'opinione pubblica, perché è evidente che ad esempio in questo caso non cambierebbe nulla dal punto di vista giuridico.


"poi dice che uno si butta a sinistra... "
Totò

Dathon
Tenente Comandante
Tenente Comandante
Messaggi: 1772
Iscritto il: 22 giu 2003, 15:44
Località: Ferrara

Messaggio da Dathon » 21 lug 2009, 18:01

Sì, avevo capito il senso del discorso, Galen. Ma mi risultava comodo agganciarmi alla tua frase sulla balistica per sottolineare il livello di forzatura della linea di difesa "multipla" di Spaccarotella. Quella secondo cui lui avrebbe: 1) VOLUTO fermare la macchina, perché pensava a una rapina, ma sparando ACCIDENTALMENTE; 2) sparato ACCIDENTALMENTE, ma MIRANDO in alto; 3) mirato in ALTO, ma colpendo per una tragica fatalità la rete DAVANTI a lui, con conseguente deviazione del proiettile; 4) colpito per una tragica FATALITA' la rete davanti a lui, ma PREVEDENDO in astratto l'evento letale conseguente all'atto di sparare. In alto. Accidentalmente.

Galen
Comandante
Comandante
Messaggi: 3921
Iscritto il: 11 ott 2002, 18:46
Località: Ferrara

Messaggio da Galen » 21 lug 2009, 19:34

Si, sono d'accordo.

Mi rimane strana questa cosa dello sparare in alto, perché non l'ho mai sentita e vorrei sapere da dove salta fuori... Onestamente mi pare una boutade che non ha a che fare col processo, ma se mi sbaglio correggetemi.
Mi ricordo anche che nei filmati con le ricostruzioni al computer, in quello che pure mostrava la versione della difesa con la rete, il proiettile veniva sparato ad altezza d'uomo. Non ho mai sentito sollevare dubbi su questo particolare, anche perché c'erano quattro testimoni e se si può buttarla in caciara con la rete, il modo in cui ha sparato è un'altro paio di maniche.

"poi dice che uno si butta a sinistra... "
Totò

den
Capitano
Capitano
Messaggi: 6250
Iscritto il: 19 nov 2002, 13:13
Località: Lodi

Messaggio da den » 11 set 2009, 12:00

Sono uscite le motivazioni, brevemente:

Luigi Spaccarotella voleva "fermare il percorso dell'auto", quindi "l'esplosione del colpo è stata sicuramente volontaria" ma è "irragionevole ipotizzare" che possa essere stato indotto "all'azione per un fine diverso da quello di fermare l'auto". Lo scrive la Corte d'assise di Arezzo nelle motivazioni della sentenza del 14 luglio di condanna dell'agente della polizia stradale a 6 anni di reclusione per omicidio colposo del tifoso Gabriele Sandri.

Sandri fu ucciso l'11 novembre 2007 nell'area di servizio di Badia al Pino, sull'A1, da un colpo di pistola sparato dall'agente. Per la corte, che ha depositato le motivazioni nei giorni scorsi, "l'ipotesi accusatoria di omicidio volontario nella forma del dolo eventuale non può essere ritenuta adeguatamente e sufficientemente provata", non risulta supportata "né sul piano logico e neppure su quello fattuale da elementi che siano univocamente indicativi". I giudici spiegano che è difficile capire "cosa possa essere scattato nella mente dell'agente "allorché ha deciso di porsi in quel modo così anomalo e determinato", pur non trovandosi davanti a un crimine che imponesse "interventi decisi", ma soltanto "a dei banalissimi tafferugli". Ma certo l'agente "mai e poi mai" può aver "seriamente pensato, accettando anche solo vagamente tale prospettiva, che il proiettile finisse invece col colpire e addirittura uccidere taluno degli occupanti".

Per i giudici quel colpo, sparato dopo uno in aria, fu esploso "volontariamente" da Spaccarotella, smentendo così quando affermato dal poliziotto che ai colleghi aveva detto di aver sparato anche la seconda volta in aria. Un colpo che, per la corte, venne certamente deviato dalla rete. I giudici rilevano anche che l'agente quando sparò "aveva un campo visivo ampio" che gli permetteva di vedere bene l'auto dei tifosi che si trovava al di là dell'autostrada. Per quanto riguarda i testimoni che avevano visto l'agente con le braccia tese in posizione di tiro, la Corte scrive che la loro "oggettiva rilevanza della distanza del punto di osservazione" rende "manifestamente evidente l'impossibilita' di una concreta determinazione della precisa angolazione del braccio (o delle braccia) rispetto all'asse del corpo, e quindi della possibilità di desumere da ciò se l'obiettivo preso di mira fossero gli occupanti del veicolo o la parte inferiore di questo".

Per la corte inoltre "è da ritenere sommariamente probabile che la precipitosa partenza dell'auto", sulla quale viaggiava Sandri, "abbia fatto da detonatore in una situazione vissuta da Spaccarotella come uno smacco per essere stata la serietà della propria iniziativa - ovvero esibire l'arma per costringerli a fermarsi - oggetto non solo di mancata adeguata attenzione ma addirittura come dileggio da parte di quei giovani che di fatto non lo avevano neppure preso in considerazione".

-E lei, come si sente?

-Professore, non le dico: Antani, come trazione per due anche se fosse super-bip-la bitumata ha lo scappellamento a destra...

Galen
Comandante
Comandante
Messaggi: 3921
Iscritto il: 11 ott 2002, 18:46
Località: Ferrara

Messaggio da Galen » 11 set 2009, 12:51

Mah, un po' contraddittorie mi pare...

Non si può determinare se abbia mirato alla parte inferiore dell'auto o agli occupanti, inoltre lo smacco della partenza dell'auto (inaudito, uno li insegue e questi addirittura scappano :smokin: ) lo avrebbe fatto arrabbiare tanto da sparare alla boia d'un Giuda; però si può dire con certezza che facendo questo mai e poi mai può aver pensato che sparare contro un auto poteva essere un pochino rischioso, e quindi deve certamente aver sparato per fermare l'auto...

Va bè, voleva colpire l'auto per fermarla e lo posso accettare.
Però per fare questo ha sparato da un'altra parte e poi il colpo è stato "certamente" deviato dalla rete ( :lol: ) che l'ha fatto andare effettivamente verso l'auto??

A questo punto preferisco quando parlano semplicemente di insuffcienza di prove...

"poi dice che uno si butta a sinistra... "
Totò

Dathon
Tenente Comandante
Tenente Comandante
Messaggi: 1772
Iscritto il: 22 giu 2003, 15:44
Località: Ferrara

Messaggio da Dathon » 11 set 2009, 18:56

Traduzione: il dolo eventuale non vale per i poliziotti. Come volevasi dimostrare.

Galen
Comandante
Comandante
Messaggi: 3921
Iscritto il: 11 ott 2002, 18:46
Località: Ferrara

Messaggio da Galen » 1 dic 2010, 18:35

Aggiornamento:
in Appello è diventato omicidio volontario

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 47542.html

"poi dice che uno si butta a sinistra... "
Totò

Dathon
Tenente Comandante
Tenente Comandante
Messaggi: 1772
Iscritto il: 22 giu 2003, 15:44
Località: Ferrara

Messaggio da Dathon » 1 dic 2010, 19:14

Tutto secondo copione. Primo grado sotto i riflettori, pena ridicola. Secondo grado un po' più libero da condizionamenti, pena un po' più severa. Ma a meno che il terzo atto della farsa non si consumi in mezzo al caos politico-mediatico più assoluto, prepariamoci a un finale a tarallucci e vino.

Rispondi

Torna a “Attualità”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite