Oltre Beyond

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 7 nov 2016, 16:09

Non ho resistito al gioco di parole :-D

Comunque, che direzione prenderà Star Trek dopo il terzo film del reboot? Doug Jung - sceneggiatore del film e interprete del compagno di Sulu - ha qualche idea, come racconta a EW


Avendo osservato Star Trek dal punto di vista di uno scrittore invece che di un fan, Doug Jung ha visto un ampio potenziale quando s'è trattato di buttare giù una storia per Star Trek: Beyond.

"Una cosa di cui mi rendevo conto, avendo adottato un approccio più da autore che da appassionato, è che ci sono davvero tanti tipi diversi di storie che si possono raccontare, in Star Trek" ha detto. "Spaziavano incredibilmente nella serie originale. Amo gli episodi come Uccidere per amore, quelli che hanno quello stile tipo Ai confini della realtà. Ma troviamo anche La macchina del Giudizio Universale, che è uno dei miei preferiti, che ha un approccio da fantascienza d'azione. Contengono al loro interno degli incredibili messaggi metaforici, una morale. E ricordo che pensavo: è fantastico vedere quanti tipi diversi di storie riuscivano a creare."

Sulla decisione di includere Sulu come personaggio omosessuale in Star Trek Beyond e su come Jung stesso abbia assunto il ruolo di suo marito, dice: "Sono sempre molto orgoglioso di quella scena; lo ero già quando era solo nero su bianco sulla sceneggiatura. Credo che il modo in cui Justin [Lin] l'ha girata, e John perfezionata — certamente più di me, che stavo praticamente li e basta! — ma, dicevo, il modo in cui è stata presentata, credo che abbia soddisfatto tutti. Abbiamo voluto rappresentare il tutto come una parte normale della vita. Che poi è esattamente così! Penso che resisterà alla prova del tempo. La grande vittoria si avrebbe, da qui a molti anni, se rivedendo Star Trek Beyond in una retrospettiva della saga, nessuno facesse una piega."

Allora perché non si sono scambiati un bacio quando si sono salutati? "Non lo so", ha detto Jung. "Credo che non ci siamo mai realmente soffermati su questo punto. Quando abbiamo ideato la scena... non ci siamo chiesti ''Dovremmo baciarci, non dovremmo baciarci?' La bambina che ha interpretato la figlia si inseriva perfettamente in quella scena e la nostra attenzione era su di lei. La scena si è quindi sviluppata così come l'avete vista. Non ho mai nemmeno pensato, 'Dobbiamo o non dobbiamo avere qualche tipo di interazione fisica, vedendoci l'un l'altro."

Che cosa riserva il futuro cinematografico di Star Trek? "È un franchise che permette di sviluppare diversi stili di film," ha detto Jung. "C'è lo Star Trek dallo spirito pionieristico votato all'azione in grande stile sull'Enterprise, ma perché non provare a fare qualcosa più in salsa Zero Dark Thirty, o qualcosa che introduca alcuni personaggi più giovani presso l'Accademia? Ci sono già cinquant'anni di storie improntate sulla scoperta, e ovviamente Star Trek continuerà ad andare in quella direzione con Discovery, ma perché non sfruttare un universo cinematografico che introduca personaggi secondari, storie più piccole, più intimistiche, focalizzate maggiormente sullo spionaggio piuttosto che sull' esplorazione su larga scala, affrontata già dalle principali serie di Star Trek?"

Fonte: http://www.trektoday.com/content/2016/1 ... star-trek/

---

Insomma, pare di capire che se anche la TOS reboot di JJ Abrams dovesse andare in pensione, la Paramount potrebbe decidere di sfruttare il marchio per creare una sorta di unvierso cinematografico coerente, sullo stile di quello Marvel, ma indipendente da quello televisivo (per tematiche, personaggi, ambientazioni etc.)

Secondo me, contro i Marvel Studios, è una battaglia persa in partenza e rischiano di non essere abbastanza attrattivi né per il fan né per il pubblico generalista. Comunque, per me basta che Discovery sia un buon prodotto, poi al cinema facciano come gli pare: dal mio punto di vista i film sono sempre stati solo un bonus, nell'economia della saga.
Immagine

Avatar utente
TheGib
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 7646
Iscritto il: 16 gen 2005, 10:21
Località: Livorno - Italy

Re: Oltre Beyond

Messaggio da TheGib » 7 nov 2016, 20:39

Secondo me, più che al MCU, stanno pensando alla saga allargata stile i prossimi film intercalati di SW.
Non ho la più pallida idea, salvo pensare ad alcune storie stile DS9, di che cosa possa uscire da un approccio del genere in ST: staremo a vedere, l'importante è che non manchino gli spunti di riflessione & dibattito.
"La nostra vera nazionalità è l'umanità." H.G.Wells
--------------------------
"...c'è una certa drammatica ironia in tutto questo, una sincronia che sconfina con la predestinazione, si potrebbe dire..." R.Giles

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 7 nov 2016, 21:23

Però lo stile Ds9 funziona perché è serializzato; non so quanto si possa ricreare cinematograficamente. Voglio dire, si può certamente mettere su un impianto stile Signore degli Anelli o Harry Potter per creare quella che definisci "saga allargata", ma io non lo so se ci si può aspettare la stessa risposta di pubblico dei menzionati franchise (e quindi giustificare questo investimento).

Una cosa è il film d'azione stile JJ, che magari può portare in sala lo sbarbatello di turno. Ma una cosa più seria, alla Ds9? Li se non hai come minimo il sostegno dei fan (e parlo di sostengo proprio in soldoni, di pubblico pagante) è difficile andare molto lontano e coinvolgere in massa il pubblico generalista.

Star Wars ha qui un punto di forza che Star Trek non ha: SW è già una saga cinematografica. ST dovrebbe diventarlo, perché i film (esclusa la trilogia di Meyer) non hanno mai avuto una natura seriale.
Immagine

Avatar utente
TheGib
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 7646
Iscritto il: 16 gen 2005, 10:21
Località: Livorno - Italy

Re: Oltre Beyond

Messaggio da TheGib » 7 nov 2016, 23:01

Con "stile DS9" non mi riferivo a "alcune storie", ma a cercare di dare tridimensionalità a personaggi/vicende minori, come concetto generale; che ovviamente in un film andrebbe allargato.
In realtà, una volta riattivata la memoria positronica, mi sono ricordato che con storie intimiste immerse "a latere" in ST e ambientate intorno alla TOS qualcuno ci ha già provato, ammp con buoni risultati: Star Trek: Aurora
"La nostra vera nazionalità è l'umanità." H.G.Wells
--------------------------
"...c'è una certa drammatica ironia in tutto questo, una sincronia che sconfina con la predestinazione, si potrebbe dire..." R.Giles

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 8 dic 2016, 23:06

Nel frattempo, a giudicare dalla foto che ha postato su twitter, sembra che Pegg e Jung siano già al lavoro su qualcosa... 4° capitolo?

Immagine
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 10 gen 2017, 22:25

Intervistata da IGN, Zoe Saldana ha detto di sperare che Star Trek IV venga realizzato sul serio e che lei sarebbe molto felice di riprendere il ruolo di Uhura ancora e ancora:

"Sarebbe da folli limitare la longevità di uno show che ha già alle spalle 50 anni di storia - ancora in corso - e mettere tutto in discussione solo per un brutto risultato al botteghino, specialmente visto che il pubblico ha giudicato molto bene Star Trek Beyond" ha detto Saldana. "Sarei felicissima di tornare ancora e ancora, e avere la possibilità di stare con i miei amici fino alla cinquantina o sessantina. Sarei veramente contenta."

Chi non ha dubbi sul prossimo film è Chris Hemsworth (George Kirk, nel reboot) che Intercettato ai Golden Globes da MTV ha detto:

"Ho parlato con J.J. [Abrams], e lui tiene in modo incredibile al progetto"

Ma come tornerebbe in scena il defunto George Kirk? Viaggio nel tempo? Linea temporale alternativa?

“Onestamente non lo so” risponde Hemsworth. “Ma parliamo di qualcosa di la da venire, rispetto alla roba Marvel.”


Fonti: http://www.trektoday.com/content/2017/0 ... r-trek-iv/
http://www.trektoday.com/content/2017/0 ... star-trek/
Immagine

Avatar utente
trekfan1
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 6221
Iscritto il: 5 ott 2002, 17:04
Località: Italy
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da trekfan1 » 11 gen 2017, 6:58

Basta con le linee temporali alternative! Al massimo qualche flashback ci può stare!
ImmaginePartecipa anche tu al SETI @ HOME nel gruppo di StarTrekItalia

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 11 gen 2017, 13:06

Non sono così sicuro che la partecipazione di Hemsworth si limiterebbe a dei flashback a mo' di cameo perché, stando all'annuncio ufficiale rilasciato dalla Paramount la scorsa estate, la trama del film dovrebbe incentrarsi proprio sull'incontro tra Jim e suo padre. Dice l'annuncio:

"Nel prossimo capitolo di quest'epica saga spaziale, il Capitano Kirk interpretato da Chris Pine incrocerà la sua strada con quella di un uomo che non ha mai avuto la possibilità di conoscere ma la cui eredità l'ha segnato sin dal giorno della sua nascita: suo padre".

Ci sono molti modi (fantascientifici, ovviamente) in cui l'incontro potrebbe realizzarsi ma dipende anche dai piani della Paramount per il futuro del reboot, dopo il risultato al box office di Beyond e la scomparsa prematura di Anton Yelchin (che non sarà sostituito, a quanto pare). Voglio dire che il modo e i motivi che porteranno all'incontro padre/figlio potrebbero anche essere usati per chiudere un ciclo e, a quel punto, che sia un viaggio nel tempo, una linea temporale alternativa (l'ennesima) o altro, non fa più tanta differenza.
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 11 mar 2017, 1:09

Con i riflettori puntati sul debutto della nuova serie Star Trek Discovery e il risultato non brillante al botteghino per il film Star Trek Beyond, scarseggiano le notizie sul futuro cinematografico della saga.

Non aiuta il fatto che attualmente alla Paramount il posto di CEO sia vacante, a causa degli scarsi risultati prodotti dal vecchio titolare, Brad Grey.

Ci rassicura (o meglio, rassicura gli investitori della Deutsche Bank) Robert Bakish, il CEO di un'altra azienda collegata alla Paramount, la Viacom.

Immagine

Bakish ha infatti dichiarato che la Viacom intende raggiungere un'integrazione più importante con la Paramount attuando un piano che prevede di impegnarla a realizzare metà delle sue produzioni cinematografiche sfruttando nomi e personaggi legati ai canali televisivi della Viacom, e questo lascerebbe spazio alla Paramount per dedicare l'altra metà delle produzioni ai franchise di maggior richiamo. Dice Bakish:
L'altrà metà della torta sarebbe tutta per i progetti chiave della Paramount. Aver ridotto il volume significa dover essere più selettivi ed è ovvio che vorranno concentrarsi sui capisaldi come Transformers o Mission Impossible o Star Trek o nuovi franchises. Ma fondamentalmente pensiamo che sia una strategia di successo e porterà benefici superiori ad entrambe le compagnie.
In effetti, tra il 2006 e il 2016, la Paramount ha rilasciato ogni estate un film legato ai franchise menzionati da Bakish:

Dal 2013 si sono susseguiti nell'ordine ogni estate: Star Trek Into Darkness (2013), Transformers: Age of Extinction (2014), Mission Impossible: Rogue Nation (2015), e Star Trek Beyond (2016). Transformers: The Last Knight dovrebbe uscire questa estate, il sesto film di Mission Impossible è previsto per l'estate del 2018 e il settimo dei Transformers per l'estate del 2019.

Esiste un annuncio ufficiale della Paramount su un quarto film di Star Trek, ma gli studios non hanno ancora dato il via libera e men che meno esiste una data prevista di rilascio.

La buona notizia è che - in attesa di un nuovo CEO - la Paramount è gestita da una sorta di triumvirato di cui fa parte anche Marc Evans. E' un nome che non dirà niente ai più, ma si tratta di uno dei più ferventi sostenitori di Star Trek all'interno della Paramount e ne ha perorato la causa anche nei tempi difficili del post Star Trek Nemesis, nel 2002, riuscendo comunque a convincere l'allora CEO Brad Grey a destinare più risorse in Star Trek di quanto non fosse stato fatto negli ultimi decenni; inoltre, è stato sempre lui a mettersi in contatto col regista JJ Abrams e gli autori Alex Kurtzman and Roberto Orci, che hanno dato vita al reboot del franchise nel 2009.

Confidando sul fatto che Evans ci metta una buona parola, e tralasciando certe difficoltà economiche della Paramount in questo momento, un altro ostacolo per arrivare al quarto film di Star Trek potrebbe essere rappresentato da Zoe Saldana, interprete di Uhura nel reboot.

Zoe Saldana ritornerà nella tarda estate su Pandora, sotto la direzione del regista James Cameron che ha confermato i suoi piani per produrre una lunga serie di film. Dice Cameron:
Stiamo realizzando Avatar 2, 3, 4 e 5. E' un impegno epico.
Questo sarà l'obiettivo primario del regista per i prossimi otto anni e verosimilmente impegnerà allo stesso modo Zoe Saldana, creando un bel problema per chi volesse fare nel frattempo un film di Star Trek in cui Uhura non faccia semplicemente da comparsa.

Detto questo però, già nel 2009 si creò una situazione simile e i registi Abrams e Cameron riuscirono ad accordarsi per permettere all'attrice di recitare in entrambi i film.


Fonte: TG Trek
Immagine

Avatar utente
TheGib
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 7646
Iscritto il: 16 gen 2005, 10:21
Località: Livorno - Italy

Re: Oltre Beyond

Messaggio da TheGib » 11 mar 2017, 7:05

La soluzione è semplice, e fornisce la trama per il prossimo film: l'Enterprise scopre Pandora e viene coinvolta nei suoi problemi con la Terra.
"La nostra vera nazionalità è l'umanità." H.G.Wells
--------------------------
"...c'è una certa drammatica ironia in tutto questo, una sincronia che sconfina con la predestinazione, si potrebbe dire..." R.Giles

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 11 mar 2017, 8:54

Non è male come idea! :lol2:

Non so se funzionerebbe al cinema, ma sarebbe un ottimo crossover per un fumetto o una fan-fic :mrgreen:
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 28 mar 2017, 1:31

Nel frattempo, la Paramount ha trovato il suo nuovo CEO: si tratta di Jim Gianopulos, già CEO di Fox Filmed Entertainment Group.

Stando al comunicato ufficiale, ecco cosa ne pensa il CEO della Viacom, compagnia sorella della Paramount:
Jim è un dirigente talentuoso con tutte le carte in regola - visione strategica, grande esperienza negli affari, profonde relazioni col mondo dell'industria e dei creativi - per realizzare pellicole di sicura presa culturalmente ed in grado di conseguire importanti risultati commerciali. Sono entusiasta di poter contare sui benefici della sua esperienza, saggezza e dimestichezza a livello globale che saranno fondamentali per spianare il terreno davanti a noi e cominciare questo nuovo capitolo nella storia della Paramount.

Gianopulos stesso dice:
La Paramount è uno Studio di quelli davvero iconici ad Hollywood e non si esagera pensando al ruolo che ha svolto nel plasmare l'industria dell'intrattenimento. Guardando oltre, vedo delle solide prospettive per condurre lo Studio verso il successo creando proficue nuove opportunità con i suoi franchise, sviluppando idee nuove e creative, nonché sfruttando il portfolio di brand della Viacom, che apre le porte a nuove eccitanti possibilità narrative. Non vedo l'ora di cominciare a lavorare con Bob [Bakish, CEO della Viacom - N.d.t.] e con il resto delle squadra della Viacom e della Paramount per continuare a donare al pubblico contenuti ricchi, film potenti e programmi televisivi per ogni tipologia di pubblico.
Immagine

La missione numero uno di Gianopulos sarà quella di mettere in sicurezza i conti ed è troppo presto per dire se la sua strategia prevedrà - e in che misura - lo sfruttamento del marchio Star Trek  (anche se il CEO della Viacom ne ha fatto espressamente menzione di recente), tuttavia quello che è certo è che la gestione Gianopulos ha indiscutibilmente fatto del bene alle tasche della Fox, la quale ha superato i $3mld di incassi al box office mondiale, nel 2014, ottenendo quel risultato grazie alla buona accoglienza ricevuta da sequel di successo come Apes Revolution - Il pianeta delle scimmie e X-Men: Giorni di un futuro passato, progetti iniziati sotto la co-dirigenza Rothman/Gianopulus.

Questo suggerisce una particolare attenzione del nuovo CEO verso brand consolidati, specialmente a livello globale dove Gianopulos pare muoversi a suo agio. I franchise della Fox che Gianopulos ha valorizzato realizzavano due terzi dei profitti sul mercato internazionale, fuori dagli USA. Gli ultimi due film di Star Trek, invece, hanno registrato incassi quasi equivalenti tra il mercato Americano e quello del resto del mondo: Gianopulos potrebbe interpretare questo dato come una debolezza - a livello internazionale - di Star Trek rispetto ad altri franchise oppure come un'opportunità di crescita da sfruttare.

Non ci resta che attendere le sue prossime mosse.

Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 2 apr 2017, 23:19

Chis Pine sembra frustrato come un qualsiasi altro fan, quando gli si chiede se ci sono novità sul prossimo film di Star Trek e sul suo ritorno nei panni del Capitano James T. Kirk.

Parlandone con MTV al Cinemacon tenutosi in settimana (dove stava promuovendo il film Wonder Woman, che lo vede recitare nel ruolo di Steve Trevor), a Pine è stato chiesto se ha già visto un copione o se sa qualcosa sullo stato dei lavori del già annunciato seguito di Star Trek Beyond.

Sembra che Pine sia all'oscuro di tutto e la sua risposta non nasconde un crescente senso di frustrazione.

Immagine


Sono letteralmente l'ultima persona a sapere qualcosa. I sarti di scena saprebbero qualcosa prima di me. Gli addetti agli oggetti di scena saprebbero qualcosa prima di me. Io non vedo l'ora di farlo, il film. Adoro tutte le persone coinvolte nel film. Lo sapete. Adoro quel mondo. Tornerei [a recitare in Star Trek] tutte le volte che mi venisse offerto. Adoro lo spilungone che chiamano Thor. Lo farei, questo film. Se riusciste a parlare con J.J. [Abrams, produttore di Star Trek - N.d.t.] al posto mio, fate in modo che possa dirglielo. Vorrei saperlo, anche per poter organizzare il resto della mia vita.




Anche se Pine non ci dice nulla di nuovo, il fatto che lui stesso non abbia notizie è indicativo; otto mesi dopo l'annuncio ufficiale del prossimo film, il protagonista non ha informazioni di sorta. Il commento finale circa la sua esigenza di organizzare i suoi impegni non va preso alla leggera, specialmente per attori molto richiesti, per i quali è fondamentale avere un calendario di impegni pianificato con largo anticipo (è il caso della collega di Pine, Zoe Saldana, che sarà impegnata a girare i sequel di Avatar per i prossimi anni).

C'è poi l'esigenza di vincolare un regista, che è il primo passo da fare per il produttore J.J. Abrams, se vorrà ricevere il via libera dallo Studio. Il regista di Beyond, Justin Lin, si è dimostrato vago sulla possibilità di dirigere ancora un film di Star Trek e - anche nel caso si mostrasse interessato - ha già un'agenda fitta di impegni per i prossimi due anni almeno, tra cui il suo recente coinvolgimento in The Stand Off, un film originale Netflix.

Il riferimento di Pine a “lo spilungone che chiamano Thor” è naturalmente all'attore Chris Hemsworth, che ha interpretato George Kirk (il padre di Jim) nel film di Star Trek del 2009. L'interprete di Thor nei film della Marvel, che è anche lui un attore molto richiesto, era citato espressamente nel comunicato ufficiale dell'estate scorsa con cui la Paramount annunciava il sequel di Beyond, e a gennaio ha confermato "l'incredibile entusiasmo" di J.J. Abrams circa il suo ritorno in Star Trek.

Da parte sua, le ultime dichiarazioni ufficialmente rilasciate da J.J. Abrams sull'argomento risalgono al Comic-Con dell'estate scorsa, quando scaldava gli animi dei fan parlando del quarto film di Star Trek con queste parole:

Uno dei motivi per cui spero che [Star Trek Beyond] vada bene è che così, senza alcun dubbio, potremo realizzare il prossimo film. E' una storia davvero stupefacente. Davvero, è il motivo per cui abbiamo siglato un accordo con Chris Hemsworth appena possibile, perché vogliamo assolutamente raccontare questa storia, quindi incrociamo le dita.

Da pochissimo la Paramount Pictures ha finalmente trovato un nuovo CEO, ma Jim Gianopulos non entrerà nel pieno dei suoi poteri prima di Lunedì e a noi fan, come anche ad Abrams e Pine, non resta che aspettare le decisioni del nuovo capo sul futuro cinematografico di Star Trek.


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
spones
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 27630
Iscritto il: 7 ott 2002, 7:55
Località: Catania

Re: Oltre Beyond

Messaggio da spones » 9 apr 2017, 14:44

Le notizie sono poche, é vero, ma secondo me é a causa di Discovery. Ho letto qualche dichiarazione di Pegg in cui si evince che lo script é praticamente pronto
Those people who think they know everything are a great annoyance to those of us who do.

Isaac Asimov
[/b][/size]

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 5988
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Oltre Beyond

Messaggio da Miles » 9 apr 2017, 15:07

Si, sicuramente è a causa di Discovery e anche per il fatto che la Paramount è stata senza un CEO per diversi mesi, e solo da poco ne ha trovato uno. Poi c'è tutta la questione di Saldana impegnata con Avatar e Hemsworth con i film Marvel, quindi l'intenzione di fare il film c'è (è stata anche ufficializzata) ed esiste uno script o comunque una storia scritta perché J.J. Abrams dice che è una storia bellissima (quindi, c'è!).

E' tutta l'organizzazione che manca, al momento. E il budget: visto che Beyond non ha fatto il botto sperato, bisogna vedere che budget daranno al prossimo film...
Immagine

Rispondi

Torna a “Star Trek Beyond”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite