Star Trek Discovery - News, curiosità e pensieri sparsi

Rispondi
Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 7 mar 2017, 21:50

Un veterano del piccolo e del grande schermo come Jason Isaacs (Harry Potter, Il patriota, Peter Pan, The OA) è stato scritturato per impersonare il Capitano Lorca della U.S.S. Discovery, secondo varie fonti come Variety, Deadline, e TheWrap.

La CBS ha annunciato ufficialmente un altro membro del cast, Mary Wiseman, che sarà invece Tilly, un cadetto dell'Accademia all'ultimo anno di studi, assegnata alla Discovery.

Immagine

Deadline aggiunge anche che il personaggio di Isaacs ricoprirà un certo peso in opposizione alla protagonista della serie, Sonequa Martin-Green, che sarà il Tenete Comandante Rainsford.


Fonte: TG Trek
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 9 mar 2017, 0:24

Il CEO della CBS continua a pompare gli investitori, mostrando di puntare moltissimo su Star Trek Discovery

L'anno scorso Moonves aveva previsto di toccare la soglia dei 4 milioni di abbonati e oggi conferma ancora una volta quell'obiettivo:
Su All Access avevamo già ben oltre un milione di abbonati prima ancora di proporre contenuti originali, sulla piattaforma. Abbiamo appena lanciato The Good Fight, lo spin-off di The Good Wife. Sta andando molto bene e siamo soddisfatti, in tre sole settimane ha già fatto registrare un aumento degli abbonati. Una volta che anche Star Trek sarà messo on line - tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno prossimi - ci aspettiamo un consistente aumento degli abbonati. Riteniamo che continuando a proporre contenuti originali, sarà facile arrivare al traguardo dei 4 milioni di abbonati... e non è ottimismo, siamo convinti di poter raggiungere quella cifra.
Moonves ha anche riferito che la CBS si è impegnata a realizzare 4 spettacoli originali all'anno, per la piattaforma CBS All Access, e ha delineato il tipo di contenuti che vedranno la luce:
Principalmente guardiamo ai copioni. Cerchiamo qualcosa che sia diverso da quanto va in onda sul circuito televisivo tradizionale della CBS. Probabilmente ci orienteremo più allo stile delle produzioni targate Showtime. Ma chiaramente, trattandosi di All Access e avendo gente che paga per vedere questi contenuti, dovranno essere produzioni di alto livello. Come Star Trek: sono anni e anni che la gente freme per una nuova serie di Star Trek. Quindi, o attraverso gli attori o attraverso le buone idee, metteremo in cantiere degli show in grado di attirare abbonati verso All Access. La gente dovrà avere l'impressione di pagare per qualcosa che davvero non potrebbe vedere altrove. E noi siamo sicuri di poterci riuscire.
Secondo Moonves, la CBS è aperta alla possibilità di espandere il servizio CBS All Access anche al di fuori degli Stati Uniti, ma sottolinea l'importanza fondamentale rivestita da Netflix nel finanziare Star Trek: Discovery, dicendo:
E' possibile. Ovviamente però con Star Trek noi abbiamo siglato un poderoso accordo con Netflix, vendendogli i diritti per la messa in streaming a livello internazionale, e il ricavato di questa vendita ha ripagato moltissimo i costi di produzione di Star Trek. Potrebbe esserci la possibilità di guardare ad entrambe le piattaforme e arrivare ad offrire un servizio internazionale. La cosa ha funzionato per Netflix ed Amazon e altri servizi di video on demand, quindi stiamo esplorando questa possibilità in alcuni paesi.
Fonte: TG Trek
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 14 mar 2017, 17:58

Sull'account twitter di Meyer (in realtà, del suo cane...) è apparsa per pochi secondi la parola "Agosto", prima di essere cancellata.

Cosà avrà voluto dire...?


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 16 mar 2017, 1:47

In assenza di notizie ufficiali e con tante voci che girano da fonti non meglio identificate (e impossibili da verificare), circola una teoria sulla U.S.S. Discovery e sul perché del suo design così particolare.
Spoiler:
Come già anticipato da precedenti fughe di notizie, un'altra nave, la U.S.S. Shenzhou, giocherà un ruolo molto importante all'inizio della serie. La teoria dei fan più gettonata è che la Shenzhou in realtà sarà distrutta dai Klingon praticamente all'inizio dello show o - in alternativa - che apparirà solo in alcuni frangenti, seguendo un po' l'uso che è stato fatto in Deep Space Nine della U.S.S. Defiant.
Ma il vero SPOILER (ammesso che la fonte sia attendibile, e non lo è in quanto anonima)
Spoiler:
è che la U.S.S. Shenzhou e la U.S.S. Discovery sarebbero la stessa nave.
La voce messa in giro vuole che nel primo episodio di Discovery,
Spoiler:
la Shenzhou rimanga gravemente danneggiata a seguito di un attacco (klingon?), talmente danneggiata da non poter essere riparata. La nave subirebbe quindi un'operazione di ammodernamento completa che la porterebbe dal design tipico della Flotta Stellare a quello spigoloso e color bronzo che abbiamo visto nel trailer di presentazione. La nave verrebbe quindi ribattezzata in U.S.S. Discovery. Sembra anche che verrà fornito un ottimo motivo, a livello di trama, per questo cambio stilistico: i fan sospettano che verrà giustificato con la stretta collaborazione che si verrà a creare tra l'equipaggio della Discovery/Ex-Shenzhou e una fazione di Klingon.
Tutto questo potrebbe avere un fondamento di verità come essere completamente campato in aria.

Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 18 mar 2017, 16:40

Ted Sullivan, produttore supervisore della serie Star Trek: Discovery, ha postato via Twitter delle foto di scena dai set di DSC. Le foto sono molto vaghe - in realtà - ma certamente ottengono lo scopo di tenere ulteriormente i fan sulle spine.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 22 mar 2017, 1:50

Grazie a Chris Obi (che interpreterà il klingon T'kuvma in DSC) abbiamo su Istagram la prima foto di gruppo col cast della nuova serie quasi al completo, scattata al compleanno del collega attore James Frain

Immagine

Da sinistra a destra possiamo vedere: Jason Isaacs (Capitano Lorca della U.S.S. Discovery), Michelle Yeoh (Capitano Georgiou della U.S.S. Shenzhou), Chris Obi (leader Klingon T’Kuvma), Sonequa Martin-Green (Tenente Comandante Rainsford della U.S.S. Discovery e protagonista della serie) suo marito Kenric, Doug Jones (Tenente Saru, ufficiale scientifico della Discovery), James Frain (Sarek), e Shazad Latif (Kol, pupillo Klingon di T’Kuvma).


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 31 mar 2017, 23:54

Rainn Wilson scritturato come Harry Mudd in Star Trek: Discovery

Star Trek: Discovery riporterà in scena uno dei personaggi più amati dai fan della Serie Classica.

Questa mattina la CBS ha annunciato che l'attore Rainn Wilson - già nominato agli Emmy - reciterà nella nuova serie nel ruolo di Harry Mudd. L'adorabile canaglia Harcourt Fenton Mudd, interpretato originariamente da Roger C. Carmel, è apparso in due episodi della Serie Classica (Il filtro di Venere e Io, Mudd) così come in un episodio della Serie Animata (Il filtro di Mudd).

Nell'annuncio ufficiale della CBS non viene specificato in quanti episodi apparirà Wilson, già fan di Star Trek e famoso per il ruolo di Dwight nella sitcom NBC The Office.

Immagine

L'attore ha già avuto a che fare con Star Trek - in un certo senso - se si considera la sua partecipazione al film del 1999 Galaxy Quest, che ne è una parodia.

In quell'occasione Wilson interpretava Lahnk, uno degli alieni Termiani fan della fittizia serie TV Galaxy Quest.

L'aver scritturato Wilson, che è un attore noto per i suoi ruoli comici, suggerisce che il personaggio di Mudd potrebbe portare dei momenti di leggerezza in Star Trek: Discovery, come ha fatto nella Serie Classica.

Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 1 apr 2017, 23:20

Lo scrittore statunitense David Mack, già autore di numerosi romanzi ambientati nell'universo di Star Trek, parla del suo prossimo libro intitolato Desperate Hours, che sarà anche il primo romanzo ufficialmente collegato alla nuova serie televisiva Star Trek: Discovery.

Intervistato da TrekMovie, Mack spiega che tipo di approccio ha seguito e che impressione s'è fatto sulla serie, avendo avuto accesso ad informazioni molto dettagliate da parte della produzione.

D: Sappiamo che ha recentemente completato la prima stesura per il romanzo basato su Discovery. Come si è preparato a scriverlo? Le sono state fornite tutte le informazioni disponibili, come la sceneggiatura dell'episodio pilota, la bibbia dello show, le descrizioni dettagliate della nave e dei personaggi etc.?
Gli autori e la produzione hanno condiviso con me tutto quello che potevano. Non ho visto più di quanto non vedano gli addetti ai lavori, ovviamente, ma è stato messo a mia disposizione molto materiale dal dietro le quinte. Inoltre, sono stati tutti molto collaborativi nel rispondere alle mie domande, per aiutarmi a descrivere al meglio le persone, gli ambienti e tutte quelle cose che, alla fine, troveranno un corrispettivo tra quello che verrà mostrato sullo schermo e ciò che è contenuto nel mio romanzo Desperate Hours.

I miei capisaldi sono stati certamente la mia buona amica Kirsten Beyer, che è una delle autrici della prima stagione di Discovery, e John Van Citters, della CBS Television Entertainment Licensing.

D: Ovviamente non potrà darci alcuna anticipazione, ma parlando giusto dal punto di vista del fan di Star Trek, qual' è stata la sua reazione a quello che ha potuto vedere fin 'ora di Discovery?
Ne sono rimasto molto impressionato. La serie si preannuncia bella a vedersi, e il pilota in due parti avrà un approccio molto dinamico. Inoltre, da quanto ho sentito, tutti gli autori e quanti lavorano sul set si stanno divertendo molto e hanno ben presente di essere entrati a far parte di qualcosa con una lunga ed onorata storia alle spalle. Penso che se i fan storici di  Star Trek si accosteranno alla nuova serie con una mentalità aperta, troveranno tante cose da apprezzare e sia loro sia i nuovi fan si divertiranno sicuramente.

D: Mike Johnson, che sta scrivendo i fumetti di Discovery per la casa editrice IDW, ha detto che le sue storie si “intrecceranno con quelle dello show.” Sarà lo stesso anche per questo primo romanzo? Per essere più precisi, sarà ambientato prima, durante o dopo l'episodio pilota? O sarà un mix di momenti diversi?
Non posso scendere troppo nei particolari che riguardano il contenuto del romanzo né la sua collocazione temporale. Quello che posso dire è che l'ho sviluppato basandomi sui personaggi, i dialoghi, le storie personali e le situazioni che vedrete nelle due parti che compongono l'episodio pilota. Se abbiamo svolto bene il compito, il romanzo sarà un'ottima controparte al pilota.

D: Quale sarà il suo prossimo romanzo di Star Trek dopo quello su Discovery?
Prima che iniziassi a scrivere il romanzo basato su Discovery, in realtà avevo già terminato un altro romanzo della serie Star Trek Titan. Quel libro si intitola Fortune of War e la sua pubblicazione è prevista a novembre 2017. Non sorprenderà i miei lettori il fatto che Fortune of War sarà un action-thriller.

D: Ci sono già dei piani o speranze di leggere altri romanzi basati sulle serie Discovery e Titan?
Al momento non ho altri lavori di Star Trek sotto contratto, e non so dire quando la cosa potrebbe cambiare. Per il prossimo futuro sarò impegnato con i libri due e tre della mia serie Dark Arts, edita da Tor Books, e mi sto preparando al debutto del primo libro di The Midnight Front, previsto a Febbraio 2018. Se tutto andrà per il meglio, il libro due, The Iron Codex, ed il libro tre, Shadow Commission, seguiranno entro la fine del 2019.

Fonte:TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 4 apr 2017, 1:34

Il suo nome circolava da diverso tempo ma solo adesso arriva la conferma ufficiale da parte della CBS: Sonequa Martin-Green fa parte del cast di Star Trek Discovery.

Il motivo per cui la CBS ha atteso tanto ad ufficializzare la sua partecipazione potrebbe essere legato all'esigenza di aspettare la messa in onda - sulla AMC - del finale della settima stagione di The Walking Dead, dato che la Martin-Green recita anche in quello show.

Ma non tutte le informazioni trapelate sul suo personaggio si stanno rivelando esatte.

Una delle informazioni giunte a dicembre sosteneva che Sonequa Martin-Green avrebbe interpretato il Tenente Comandante Rainsford. Tuttavia dall'annuncio ufficiale e dai messaggi sui social, sappiamo adesso che il suo personaggio si chiamerà (e si è sempre chiamato) Michael Burnham.

Anche uno degli autori di Discovery, Bo Yeon Kim ha confermato questo nome via Twitter.

Il recente annuncio non indica il grado della Burnham ma solo che sarà Primo Ufficiale. Lo scorso agosto, l'ex showrunner Bryan Fuller disse che la protagonista avrebbe avuto il grado di Tenente Comandante e sarebbe stata chiamata solo con l'appellativo di Numero Uno (almeno in un primo periodo), ma con l'abbandono di Fuller certe scelte potrebbero aver subito modifiche.

Immagine

Già la scorsa sera, ospite di The Talking Dead (il talk show della AMC dedicato a The Walking Dead) Sonequa Martin-Green - che non ha mai fatto mistero della sua partecipazione a Discovery, come dimostra la foto con i suoi colleghi, scattata pochi giorni fa - s'è accomiatata dal suo pubblico sfoggiando il famoso saluto vulcaniano.

Fonte:TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 4 apr 2017, 15:04

A poche ore dal comunicato ufficiale che la vede salire a bordo della serie Star Trek Discovery in qualità di Primo Ufficiale, l'attrice Sonequa Martin-Green ha già cominciato a discutere del suo nuovo ruolo con le redazioni di The Hollywood Reporter e TVLine.


Quando le è stato chiesto che differenze vede fra il Primo Ufficiale Michael Burnham di Discovery e Sasha Williams di The Walking Dead (personaggio che l'ha resa famosa a livello internazionale), Martin-Green risponde:
Essere il primo ufficiale della nave sarà pazzesco perché mai, prima di adesso nella storia di Star Trek, abbiamo visto una serie raccontata dal punto di vista del primo ufficiale, rispetto a quello del capitano. E' una prospettiva con un potenziale incredibile, per raccontare storie nuove.

Il solo fatto di non essere nei panni del capitano mostra tutto da un' angolazione diversa e sarà un' esperienza entusiasmante per quanti ne fanno parte - davanti e dietro la camera da presa...

sono rimasta attonita dalla professionalità delle persone coinvolte in The Walking Dead sin dall'inizio, e la stessa sensazione mi è stata trasmessa dal gruppo di persone che hanno assemblato per la nuova serie di Star Trek. Sono davvero elettrizzata.

Sul tono che avrà la serie, l'attrice anticipa:
Questa incarnazione di Star Trek avrà un approccio diverso, rispetto alle altre serie. Sarà più corposa, più cruda e realistica… e la storia verrà praticamente da sé. Ci si prospetta davvero un bel viaggio, davanti a noi.

Ma come ha vissuto Sonequa Martin-Green il suo ingaggio in Discovery, e quanto è stata difficile per lei la transizione da The Walking Dead alla nuova serie di Star Trek?
Sto letteralmente nuotando nel senso di gratitudine che provo per aver ottenuto la parte, ed è qualcosa che mi da entusiasmo e mi sprona a continuare. Certe volte mi domando, "Ma sta succedendo davvero? Santo cielo!"

Spero di riuscire a portare avanti il peso di questa eredità, se volete, e della storia che racconteremo perché certamente la storia lo merita ed io voglio renderle giustizia.

Ho avuto un po' di tempo [per preparami, nella transizione tra le riprese di The Walking Dead e quelle di Discovery - N.d.t.], poco, non moltissimo! Più una toccata e fuga: ci sono state le vacanze, che mi sono goduta, e in quel periodo ho avuto modo di fermarmi un attimo e riflettere un po' su tutto questo.
Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 7 apr 2017, 1:16

Inganniamo l'attesa per il debutto di Star Trek Discovery con qualche piccola news attorno alla nuova serie, che continua ad attirare l'attenzione di chi ha recitato nelle serie precedenti (l'ultimo, in ordine di tempo, che vorrebbe apparire in DSC come attore ospite è stato Connor Trinneer, della serie Enterprise); adesso si candida apertamente anche Nichelle Nichols, la Nyota Uhura della Serie Originale.

In più, Chris Obi (T’Kuvma, il capo dei Klingon in DSC) ci aggiorna sullo status delle riprese, via Twitter.

Ultimo ma non ultimo, finalmente svelato perché la CBS non ha annunciato mesi fa il nome di Sonequa Martin-Green nel ruolo da protagonista.

---

Intervistata in occasione della sua imminente partecipazione al Wizard World a St. Louis, MO, Nichelle Nichols ha parlato un po' anche di Star Trek: Discovery e sembra proprio che sia interessata ad una sua apparizione nello show:

Alla domanda: La nuova serie, Star Trek: Discovery, sarà la prima nella storia della saga ad avere come protagonista una donna di colore. Lei ha già incontrato Sonequa Martin-Green? Le piacerebbe partecipare alla serie?

Ha risposto:
Non ho ancora incontrato Sonequa ma vorrei assolutamente avere l'opportunità di farlo. Se ci fosse un ruolo che, tanto io quanto i produttori ritenessimo adatto per una mia apparizione, sarei totalmente disponibile a questa possibilità.

Nel frattempo, chi volesse vedere Nichelle Nichols ancora all'opera senza andare fino a St. Louis, potrebbe scaricare gratuitamente la prima parte di Renegades - The Requiem, una fan serie di fantascienza prodotta e diretta da Tim Russ (Tuvok, VOY) che la vede fra i protagonisti insieme a Walter Koenig (Chekov, TOS), Robert Beltran (Chakotay, VOY), Gary Graham (Soval, ENT), Terry Ferrell (Jadzia Dax, DS9) e altri. Previa registrazione gratuita, l'episodio può essere visto qui.

Tornando a Discovery, sul 'versante Klingon' l'attrice Mary Chieffo (interprete di L’Rell) è stata vista a Los Angeles, dove ha partecipato a parecchi eventi la scorsa settimana (dunque ben lontana dai set di Toronto, dove si gira la serie) e anche Chris "Re dei Klingon" Obi (come si è autodefinito scherzosamente su Twitter) ha dismesso i panni di T'Kuvma, lasciando il Canada in direzione New York.

In uno dei sui ultimi tweet, infatti, Obi dice che gli tocca una "piccola pausa" da Star Trek e - aggiungendo che la serie ha "i migliori fan in tutto l'universo" - dice a proposito dello show:
Gente, lo amerete di sicuro [Star Trek Discovery]. Potrete andare davvero fieri, di fronte al mondo, della vostra devozione a questo universo. Sono convinto che sarete fieri di noi. Pace, lunga vita e prosperità.


Per concludere, Scott Gimple, lo showrunner di The Walking Dead - serie in cui ha recitato Sonequa Martin-Green - spiega come mai l'annuncio ufficiale del suo ingaggio in Star Trek Discovery sia stato rimandato per mesi, nonostante la partecipazione dell'attrice fosse stata ufficiosamente confermata da varie fonti.

Come era stato ipotizzato, il motivo va ricercato proprio nel ruolo della Martin-Green in The Walking Dead.

Dice Gimple, intervistato da TV Line (ATTENZIONE - Seguono SPOILERS per chi segue The Walking Dead!):

Spoiler:
D: Parliamo di Sasha. E' stata la morte del personaggio a spingere Sonequa Martin-Green ad approdare a Star Trek: Discovery, o si è trattato di una decisione strettamente autoriale?
La decisione è stata presa per esigenze narrative. I ragazzi di Star Trek hanno semplicemente avuto un ottimo tempismo.

D: Avete avuto discussioni, tra AMC e CBS All Access, in merito alla segretezza del suo ingaggio in Discovery, forse per evitare di suggerire ai fan che Sasha non sarebbe sopravvissuta al finale di stagione?
In effetti speravamo di tenere la cosa segreta, ma non è accaduto ed è seccante. Ci hanno provato, mi sembra, ma la notizia è venuta fuori lo stesso. Comunque non ci ha impedito di raccontare una grande storia e, alla fine, è l'episodio quello che conta di più.


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 8 apr 2017, 0:00

Confermando quanto riferito dallo showrunner di The Walking Dead, l'attrice Sonequa Martin-Green afferma che il suo ingaggio in Star Trek Discovery non ha condizionato le scelte degli autori sul finale della settima stagione e il personaggio di Sasha Williams.

ATTENZIONE: seguono SPOILERS per i fan di The Walking Dead!


Sonequa Martin-Green ha detto ad EW che la tempistica nell'ottenere il ruolo in Star Trek ha semplicemente giocato a suo favore:
Spoiler:
l'attrice ha detto addio a The Walking Dead la scorsa settimana e, se non fosse stata contatta per Star Trek, ora sarebbe certamente in cerca di un nuovo ingaggio.
Davvero non sapevo cosa avrei fatto dopo e, quando è venuta fuori questa possibilità per Star Trek, ho pensato ‘Santo cielo! Non ho parole... cioè, cosa?!’ E' una cosa enorme, in grado di raggiungere così tanta gente, profondamente. Come un'eredità. Si, è un eredità che si tramanda. Perché non c'è dubbio che Star Trek sia ormai qualcosa di radicato nel cuore di tante, tantissime persone, sin dagli anni '60, ovviamente. Passare da una serie molto apprezza a quella che è indiscutibilmente LA serie più apprezzata di tutti i tempi, è... mi toglie ancora il fiato.

Ringrazio Dio per l'opportunità. Non poteva capitare in un momento migliore perché gli eventi verificatisi in The Walking Dead erano comunque già stati pianificati e messi in moto. Era un percorso stabilito. E mentre ci avvicinavamo sempre più alla fine della stagione, alla fine delle riprese... ecco, è stato allora che s'è aperta un'opportunità con Star Trek.

So che molte persone penseranno che io abbia lasciato The Walking Dead per recitare in Star Trek, ma le cose non sono andate così: è stato dopo che The Walking Dead stava già concludendosi che è arrivata la possibilità di fare Star Trek.
Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
spones
Ammiraglio di Flotta
Ammiraglio di Flotta
Messaggi: 27630
Iscritto il: 7 ott 2002, 7:55
Località: Catania

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da spones » 9 apr 2017, 14:51

Quindi la Martin-Green sarà il personaggio principale?

Mi piace! Ottima scelta :;):
Those people who think they know everything are a great annoyance to those of us who do.

Isaac Asimov
[/b][/size]

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 10 apr 2017, 22:46

Si, ormai è ufficiale: sarà lei la prima protagonista in Star Trek a non essere anche il capitano dell'astronave.

Però pare che più che guardarsi dai Klingon, debbano guardarsi dagli scioperi :rolleyes:

Riporto al notizia:

Un nuovo braccio di ferro tra il Sindacato Autori Americani (Writers' Guild of America - WGA) e l' Associazione Produttori Televisivi e Cinematografici (Alliance of Motion Picture and Television Producers - AMPTP) potrebbe avere conseguenze negative sulla produzione di Star Trek: Discovery.

I due gruppi hanno ripreso i colloqui proprio oggi, dopo uno stop ai negoziati di due settimane seguito al rifiuto del sindacato degli autori ad accogliere le proposte avanzate dall'associazione produttori.

Secondo Chris Keyser, uno dei portavoce del WGA:
Gli scrittori hanno visto le loro parcelle calare del 23%. Negli ultimi cinque anni o giù di li, le grandi compagnie hanno visto un boom nella crescita dei prodotti televisivi. Hanno avuto modo di raggiungere un numero enorme di persone in tutto il mondo, in qualsiasi momento.

Gli scrittori protestano anche per ottenere benefici sanitari e pensionistici più vantaggiosi, nonché per migliorare gli accordi sulle royalty e ottenere maggiori introiti sulle sceneggiature e i residuali.

Dal canto suo, il produttore televisivo Kenchy Ragsdale sostiene che:
Il meccanismo è che chi mette su uno show ottiene una percentuale sul back-end o sui residuali. I costi sono alti e i contributi sono legati alle nostre entrate. Nell'ultimo periodo, siamo stati in rosso tre anni su cinque.

Il portavoce dell'Associazione Produttori Televisivi e Cinematografici, Jerry Gonzales, aveva detto:
Il nostro obiettivo continua ad essere quello di raggiungere un accordo con gli autori al tavolo delle trattative. Speriamo che il sindacato si impegni con noi allo stesso modo, quando riprenderanno le discussioni il 10 di aprile.

Ma per Keyser:
Abbiamo tolto quasi il cinquanta per cento dal tavolo dei nostri negoziati, e ci hanno risposto sostanzialmente con dei passi indietro. Non è una risposta accettabile. Noi non abbiamo ribattuto e ci hanno risposto di non perdere tempo a tornare al tavolo delle trattative.

Abbiamo deciso di andare lunedì per cominciare una conversazione. Se dovessimo scioperare - ma siamo ancora lontani dal prendere quella decisione - ogni autore metterà da parte la penna, e lo farà anche chi è nel bel mezzo di una produzione in corso. Gli autori smetteranno di scrivere.

Alcuni degli spettacoli che sarebbero interessati da uno sciopero degli autori sono certamente le serie Marvel di Netflix, One day at a Time, Divorce della HBO, Star Trek Discovery e American Horror Story, della FX.

Il sindacato degli autori proporrà un sondaggio on-line fra gli iscritti per ottenere l'autorizzazione ad indire lo sciopero. La votazione si terrà dal 19 al 24 aprile.


Fonte: TG TREK
Immagine

Avatar utente
Miles
Ammiraglio
Ammiraglio
Messaggi: 6113
Iscritto il: 10 apr 2003, 20:05
Località: Palermo
Contatta:

Re: Star Trek Discovery (Nuova serie in arrivo nel 2017!)

Messaggio da Miles » 11 apr 2017, 10:58

Discovery si conferma una specie di calamita, per gli attori di Star Trek: anche Michael Dorn (Worf - TNG) era in trattative per un ruolo!

L'attore si trova attualmente in Florida, dove recita a teatro nell' Antonio e Cleopatra di Shakespeare.

Il sito che ha seguito l'incontro di presentazione di Dorn col suo pubblico, sostiene che abbia detto di aver ottenuto una parte in Star Trek Discovery nei panni di un antenato di Worf.

Purtroppo le cose non stanno esattamente così.

Attraverso il suo agente, Dorn fa sapere di essere stato frainteso: l'attore conferma di avere avuto, in effetti, "un paio di incontri con i produttori, la scorsa estate" su un possibile ruolo in Star Trek Discovery. La cosa è andata avanti per un paio di settimane ma non ha portato a nulla, quindi "non è prevista alcuna sua apparizione, al momento" in Star Trek Discovery.

Per Dorn non sarebbe stata un'esperienza inedita, dato che ha già interpretato un avo di Worf del 23° secolo nel film del 1991 Star Trek VI: Rotta Verso l'Ignoto, in cui è apparso come Colonello Worf, avvocato di Kirk e McCoy presso la corte Klingon.


SUPPLEMENTO


Jim Helsinger, il direttore artistico dell' Orlando Shakespeare Theater, ha recentemente parlato con Dorn e conferma che “era stato espresso dell'interessamento” per una parte in Discovery, ma che a Dorn sia stato offerto “meno dell'un per cento" di quanto avesse realizzato col suo ultimo contratto nei panni di Worf.

Non è chiaro - però - se il contratto in questione sia quello relativo all'ultima apparizione televisiva di Worf (Star Trek: Deep Space Nine, terminato nel 1999) o se si stia parlando dell'ultima apparizione del personaggio in generale (2002, Star Trek: Nemesi).


Fonte: TG TREK
Immagine

Rispondi

Torna a “Discovery”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite